Il Centro con La Lectura Dantis Scaligera si propone di contribuire allo sviluppo e all’apprendimento degli studi danteschi in vista del Settimo Centenario della morte del Poeta.

Archivio

Torna all'elenco

Lunedì 24 Maggio 2021, ore 15.00 (in modalità a distanza)

Il futuro di Dante: esilio, Scaligeri, missione; Paradiso, canto XVII

prof. Gregorio Monasta

È uno dei canti più celebri e conosciuti della Commedia perché tratta della missione profetica di Dante.
L'antenato Cacciaguida che vede "le cose contingenti anzi che siano in sé" viene pregato dal poeta di spiegare le "parole gravi" che gli sono state dette sul suo futuro durante il suo viaggio nell'Inferno e nel Purgatorio. La risposta di Cacciaguida è grandiosa e terribile (vv. 37-49): il futuro di Dante è già dipinto in Dio, nel poeta si ripeterà Bell & Ross Replica Watches il mitico esilio di Ippolito da Atene, allo stesso modo la matrigna Firenze lo caccerà e sin d'ora si sta cercando di ordire tale misfatto con la complicità del Vaticano. Attraverso la dolorosa anafora ("tu lascerai.... tu proverai... e come.... e quel") vengono scolpite in modo epigrafico le sentenze dell'esilio e della sua futura totale solitudine. In seguito otto terzine preannunciano il primo e il secondo soggiorno a Verona. La profezia è però collocata durante la signoria di Bartolomeo della Scala che lascerà un ricordo indelebile nel poeta (1303-1304).
Anche la figura di Cangrande viene rappresentata nel contesto del primo soggiorno e il suo ruolo politico-militare acquista da remota lontananza un risalto suggestivo.
A Dante preme conoscere il proprio futuro, ma anche avere un consiglio sul proprio comportamento nei confronti dei potenti con i quali sarà costretto ad avere rapporti e a chiedere ospitalità. Le ultime sei terzine esprimono la celebre e lapidaria sentenza di Cacciaguida che ordina a Dante di servire solo la verità: "rimossa ogne menzogna, tutta tua vision fa manifesta... che' se la voce tua sarà molesta nel pieno gusto, di tal nodrimento lascera' poi, quando sarà digesta". 



VAI AL VIDEO 

Opere di pregio

Il Centro Scaligero degli Studi Danteschi e della Cultura Internazionale dispone di una serie di fac-simili di codici e manoscritti, di copie anastatiche, di stampe antiche originali.