Il Centro con La Lectura Dantis Scaligera si propone di contribuire allo sviluppo e all’apprendimento degli studi danteschi in vista del Settimo Centenario della morte del Poeta.

Anno Accademico 2020/21

Torna all'elenco

Lunedì 01 Marzo 2021, ore 15.00, in collegamento dalla Cattedrale di Verona con Telepace

Grande canto teologico sull'Incarnazione; Paradiso, canto VII

S.E. Mons. Giuseppe Zenti, vescovo di Verona

Dopo la potente esaltazione di Roma e l'ammonizione ai Guelfi e Ghibellini d'Italia, il canto vi si era concluso con la presentazione di un perseguitato politico, alter ego di Dante, che negli stessi anni stava pagando l'ingiusto prezzo del proprio impegno politico. Ancora nell'incipit di questo settimo canto campeggia la figura di Giustiniano, che intona l'Osanna alla maestà di Dio e avvia la sacra danza del suo ritorno all'Empireo.
Vv 10-148: tutto il canto è impegnato nello sviluppo dell'architettura dottrinale cristiana affidata da Dante a Beatrice teologa. Dopo le lezioni sull'ordine universale e sulla libertà e volontà umana, Beatrice affronta ora il tema della Storia della salvezza. La gravità dell'offesa fatta dall'uomo al suo Creatore richiedeva una "giusta vendetta" che l'uomo non poteva soddisfare, ma solo Dio, giusto e misericordioso, attraverso l'incarnazione di Cristo, era in grado di liberare l'uomo dall'esclusione dalla Sua alleanza.
Qui Dante ripercorre i grandi testi di Anselmo d'Aosta, Agostino e Tommaso d'Aquino, che avevano affrontato il grande tema, tema che verrà trasfigurato in poesia. 


VAI AL VIDEO 

Opere di pregio

Il Centro Scaligero degli Studi Danteschi e della Cultura Internazionale dispone di una serie di fac-simili di codici e manoscritti, di copie anastatiche, di stampe antiche originali.